PRESE DI POSIZIONE

Il Fatto-Repubblica, è guerra

di
La trattativa Stato-mafia infiamma la battaglia tra i due quotidiani.

La trattativa tra Stato e mafia infiamma la lotta tra Repubblica e Il Fatto Quotidiano. Come rivela Libero, in un pezzo dedicato alla faida tra i due quotidiani, la battaglia impazza tra il fondatore di Repubblica Eugenio Scalfari, che difende a spada tratta il capo dello Stato, Giorgio Napolitano, e il vicedirettore del Fatto, Marco Travaglio, promotore di una campagna a favore dei giudici di Palermo.
SCALFARI CONTRO ZAGREBELSKY. L’ultimo capitolo è la filippica di Scalfari indirizzata al giurista Gustavo Zagrebelsky, che ha espresso un’opinione non proprio favorevole a Napolitano. Non solo: il Fatto ha citato una lunga lista di editorialisti di Repubblica che hanno preso posizione a favore dei magistrati palermitani: Barbara Spinelli, Stefano Rodotà, il giurista Franco Cordero. Come pure, da MicroMega, Paolo Flores d’Arcais. Libero cita «persino Fabio Fazio, che con Repubblica è in simbiosi, ha firmato l’appello del Fatto, spiegando che quando si tratta di mafia, nessuna zona d’ombra è tollerabile». E sembra proprio che la guerra ci riserverà altri colpi di scena.

Devi essere loggato per scrivere un commento Login o Registati