TIVU'

Mediaset prepara 2 miliardi di investimenti

di
Ma la raccolta pubblicitaria è ancora in calo del 10%. Apertura a Sky sul calcio.

Piersilvio Berlusconi

La crisi soffoca il mercato pubblicitario, ma Mediaset non disinveste. Anzi. Pier Silvio Berlusconi, vicepresidente del gruppo televisivo ha annunciato che il biscione ha programmato 2 miliardi d’investimenti «in contenuti puri, di cui 1,5 miliardi tutti in Italia».
In questa fase, ha sottolineato Berlusconi, bisogna «guardare avanti» senza farsi «influenzare dai conti del singolo trimestre o dai saliscendi in Borsa».
Insomma non bisogna farsi intimidire dai numeri. E nel caso di Mediaset non si tratta di numeri incoraggianti. Nel primo trimestre del 2012, l’utile di Mediaset è calato dell’85%. La raccolta pubblicitaria, invece, nel primo semestre si preannuncia «stabile» dopo il calo del 10,2% del primo trimestre.
E questo probabilmente spiega come mai, nonostante gli investimenti programmati e la voglia di guardare avanti, a Cologno Monzese sia in atto un piano di tagli che dovrebbe portare a risparmi da 250 milioni annui entro il 2014.
PRESENTATO IL PALINSESTO 2012-13. Nel palinsesto 2012-13 ci sono nuove produzioni e nuovi format. Ma l’evento di punta sarà in ottobre (l’8 e il 9) la doppia serata di spettacolo live del Molleggiato, che torna in concerto dopo 18 anni.
L’evento, ha sottolineato Alessandro Salem, direttore generale dei contenuti Rti, punta a «raggiungere almeno i 7,5 milioni di ascoltatori», con il 27-28% di share . Per ogni serata sono previsti quattro break pubblicitari.
Mediaset si tiene stretta anche Maria De Filippi. Entro agosto dovrebbe essere rinnovato per quattro anni il contratto da conduttrice, autrice e produttrice con la sua Fascino.
MEDIASET PREMIUM, BREAK EVEN RINVIATO. Mediaset continua a considerare strategica l’offerta Premium, nonostante la contrazione del mercato della pay tv. Il contesto di mercato ha spinto il gruppo a spostare in avanti «di due o tre anni». Per fronteggiare la concorrenza di Sky, Berlusconi si è detto aperto a ipotesi di partnership con operatori stranieri: «Ci sono stati segnali di interessamento da più di una grande azienda straniera: non c’é nulla di concreto, non si è aperta nessuna fase di negoziazione, ma l’interessamento c’é stato».
MA CON SKY POTREBBE SCATTARE UN’ALLEANZA. Ma quella con Sky potrebbe anche diventare un’alleanza. Mediaset, infatti, potrebbe discutere di uno scambio sul fronte dei diritti del calcio: «Noi possiamo offrire tutte le partite europee di cinque o sei squadre italiane (per la Champions Milan e Juve, ed eventualmente l’Udinese se supererà i preliminari, per l’Europa League Inter, Napoli e Lazio, ndr), il satellite ne ha solo due. Penso che Sky potrebbe essere interessata a uno scambio. Si tratta, comunque, soltanto di un’ipotesi: ad oggi noi abbiamo il nostro calcio e il satellite ha il suo», ha detto Berlusconi.

Devi essere loggato per scrivere un commento Login o Registati