BANCHE

Mps, lavoratori in sciopero

Per i sindacati il nuovo piano industriale è irricevibile.

Sciopero dei lavoratori di Banca Mps: lo hanno annunciato i coordinamenti Rsa dell’Istituto, «per contrastare con ogni mezzo» le decisioni della banca, che il 27 giugno ha presentato il nuovo piano industriale. «Si tratta di un progetto totalmente irricevibile, che le organizzazioni sindacali e i lavoratori non sono disponibili ad accettare in alcun caso. Per questo motivo sono già in corso di attivazione le procedure per indire uno sciopero di tutto il personale».
L’esposizione del piano, secondo i sindacati ha mostrato «la assoluta mancanza di una qualsiasi idea a livello di progetto industriale, ed una sconcertante approssimazione su ogni punto presentato. Evidentemente l’unica cosa che interessava al management era l’effetto annuncio dei pesanti tagli occupazionali e del costo del lavoro, mentre non è stata data alcuna specifica risposta sui temi ad essi correlati, quali cessioni di asset, gestione degli esuberi ed esternalizzazioni». Le Rsa deplorano inoltre la disdetta del contratto integrativo, definita «una decisione di arroganza infinita», e lamentano di aver appreso dalla stampa della cessione della quota in Biverbanca alla Cassa di Risparmio di Asti, «senza che venisse fatto da parte dell’azienda alcun tipo di comunicazione».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Devi essere loggato per scrivere un commento Login o Registati