TRIMESTRALI

Mps vede rosso: 1,617 miliardi di passivo

Pesano le svalutazioni sugli avviamenti. Raccolta a 132 miliardi (-1,7%). Bene il Core Tier 1 a 10,8% compresi 1,9 miliardi di Tremonti Bond.

Mps ha chiuso il primo semestre dell’anno con un risultato netto negativo di 1,617 miliardi per effetto della svalutazione su avviamento ed attivi finanziari contro l’utile di 261,4 milioni dei primi sei mesi del 2011. In netto miglioramento il Core Tier 1 che raggiunge il 10,8% (il dato include 1,9 miliardi di Tremonti Bond).
RACCOLTA DIRETTA IN CALO DELL’1,7%. La raccolta diretta, pari a circa 132 miliardi, segna un calo dell’1,7% rispetto al 31 marzo con una quota di mercato del gruppo mantenuta sopra il 7%. Gli impieghi, si legge nella nota, restano «sostanzialmente invariati rispetto al precedente trimestre a 144,5 miliardi, grazie alla ripresa del flusso dei mutui».
CREDITI VERSO LA CLIENTELA IN CALO DEL 6,2%. Il totale dei crediti verso la clientela registra invece una flessione del 6,2% sull’anno precedente dovuto al rallentamento del ciclo congiunturale», con «lo scenario macroeconomico e finanziario che ha registrato un significativo peggioramento» nel secondo trimestre del 2012. Il margine di interesse si è attestato a circa 1.654 milioni, sostanzialmente in linea rispetto all’anno precedente, con un contributo del secondo trimestre di circa 780 milioni, in flessione del 10,8% rispetto al dato registrato nei primi tre mesi dell’anno». La raccolta diretta ha mostrato una flessione dell’1,7% sul primo trimestre, con una quota di mercato rimasta poco sopra il 7%; quella indiretta ha registrato una flessione del 6,4%.
CONVOCATA L’ASSEMBLEA PER IL 9-10 OTTOBRE. Il consiglio di amministrazione di Banca Monte dei Paschi di Siena conferma la convocazione dell’assemblea straordinaria per il 9 e per il 10 ottobre 2012, rispettivamente in prima e seconda convocazione. Il cda, si legge in una nota, «proporrà all’assemblea di deliberare in merito all’attribuzione di delega al Consiglio stesso ad aumentare il capitale sociale, in una o più volte, anche in via scindibile, anche attraverso l’emissione di obbligazioni convertibili, per l’importo massimo complessivo di 1 miliardo di euro, il tutto in esclusione del diritto di opzione degli azionisti esistenti». Sempre in sede straordinaria, l’assemblea delibererà sulla proposta di modifiche di alcuni articoli dello Statuto sociale.

Devi essere loggato per scrivere un commento Login o Registati