DIARIO DI BORSA

Piazza Affari chiude in positivo: +0,59%

Milano, unico listino positivo in Europa. Positive le banche. Corre Impregilo.

Piazza Affari si distingue, unico listino positivo tra quelli di un’Europa nervosa che aspetta indicazioni dalla riunione dell’Eurogruppo. Il Ftse Mib ha tenuto bene per tutta la seduta chiudendo in rialzo dello 0,59% a 13.812 punti anche con uno spread che sfiora i 480 punti. Bene le banche che recuperano i cali della settimana precedente e Telecom in scia al buon tono delle tlc del Vecchio Continente.
Lo spread Btp-Bund chiude a 475,3 punti base dopo aver superato in mattinata quota 480. Il rendimento del Btp a 10 anni è al 6,072%. Il differenziale tra i decennali di Spagna e Germania termina a 566,3 punti con il tasso dei Bonos al 6,98%, dopo aver oltrepassato la soglia critica del 7%.
BANCHE IN RECUPERO, GUARDANO A EUROGRUPPO. Unicredit, alla vigilia del consiglio d’amministrazione, fa un balzo del 2,78% e guida il recupero dei bancari. Bene anche Intesa Sanpaolo (+1,78%). In rialzo anche Banco Popolare (+1,84%), Mediolanum (+2,03%) e Bper (+2,09%).
IMPREGILO SI SCALDA CON RILANCIO PRIMAV. Il gruppo brasiliano Primav Contrucoes e Servicos alza la sua offerta e Impregilo prende tempo per valutarla. In Borsa il titolo corre in rialzo del 5,91% seguendo le voci su possibile extradividendo.
CORRE TELECOM, PESANTE A2A. Rincorsa di Telecom (+3,93%) sulla scia delle tlc in Europa dopo che Nomura ha alzato a neutral il suo giudizio sul settore. Pesante A2A (-4,13%). Giù i titoli del lusso italiani da Ferragamo (-2,12%) a Luxottica (-1,58%) a Tod’s (-2,49%). Il mercato tiene sottopressione i titoli coinvolti nel riassetto del gruppo Ligresti. In asta di volatilità per quasi tutta la seduta chiude crolla Fonsai (-12,48%), giù anche Unipol (-6,71%) e Premafin (-4,4%).

Devi essere loggato per scrivere un commento Login o Registati