GRANDE DISTRIBUZIONE

Schlecker, 295 negozi a rischio in Italia

La catena di supermercati tedeschi è sull'orlo del fallimento. Serve un miliardo.

Schlecker, la più grande catena di supermercati tedeschi, dopo 40 anni di attività, è sull’orlo del fallimento e ha dichiarato lo stato di insolvenza.
La famiglia Schlecker, unica azionista dell’azienda, nel tentativo di accedere a un finanziamento d’emergenza, ha dichiarato bancarotta: non è stato trovato alcun nuovo compratore (basterebbero 150 milioni) o investitore disposto a salvare la casa madre.
La situazione è stata confermata il primo giugno dal curatore fallimentare della società, Arndt Geiwitz.
UN BUCO DA 1 MILIARDO DI EURO. Colpa della crisi e di scelte imprenditoriali che poco hanno a che fare coi tempi moderni: la società (6,5 miliardi di fatturato all’anno) dal 2008 ha chiuso ogni anno i bilanci in rosso, e nel 2010 ha perso 650 milioni di euro rispetto all’anno precedente.
La strada della ristrutturazione sembra ormai sempre più lontana: il buco di bilancio si attesta a circa a 1 miliardo di euro.
A FINE GIUGNO, STOP ALLE VENDITE. L’azienda è stata dunque messa in liquidazione e interromperà a breve, forse già a fine giugno, le vendite in Germania. Così gli ultimi 2.800 punti vendita ancora in attività saranno presto smantellati. E i 13.200 impiegati sono destinati a perdere il posto di lavoro.
E si tratta solo dei dipendenti tedeschi. Il gruppo, infatti, conta circa 30mila addetti in tutta Europa.
DA GENNAIO 4.500 NEGOZI CHIUSI. Già a fine gennaio, la società era stata costretta a mettere alla porta 16.500 dipendenti tedeschi e ad abbassare le saracinesche di 4.500 negozi. .
In Italia, sono 295 i negozi a rischio e 1.130 dipendenti.
I negozi italiani fanno capo a due società differenti: la Anton Schlecker Gesellschaft Mbh – sede secondaria di Portogruaro, nel veneziano, affiliata alla Schlecker austriaca – e la Anton Schlecker srl di Udine, affiliata della Schlecker Spagna. (LEGGI L’APPROFONDIMENTO DU LETTERA43.IT)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Devi essere loggato per scrivere un commento Login o Registati