LA VERTENZA

Windjet, convocati i sindacati per la cig

Perplessi i lavoratori. Alitalia e Meridiana Fly operano voli speciali.

Windjet ha convocato stamane i lavoratori a Catania per la firma della cassa integrazione. Lo ha reso noto Rosaria Rotolo, segretario territoriale Cisl, che ha annunciato una assemblea del lavoratori per il 25 agosto nell’aeroporto di Catania. Nello scalo continua intanto la protesta dei dipendenti della Windjet dopo lo stop ai voli della compagnia low cost.
I DUBBI DEI SINDACATI. «In questo momento Windjet dice di fare una nuova società ma questa quanti dei 504 lavoratori assorbirà? E quali saranno le garanzie per i creditori?. Il fatto che la compagnia non abbia seguito la strada indicata dal governo non è una rassicurazione. Ci sembra ci sia un po’ di presunzione da parte di Windjet nel dire “noi vogliamo continuare a fare da soli”».
Tutti i dipendenti della Windjet stanno firmando la cassa integrazione a tempo indeterminato. I sentimenti sono di rabbia, sconforto, preoccupazione e scetticismo, perché la Windjet potrebbe anche bluffare e magari sta prendendo tempo perché spera ci sia qualche acquirente. Lo afferma Alessandro Grasso, responsabile Tasporto aereo della Filt Cgil, mentre nell’aeroporto di Catania continua il presidio dei dipendenti della Windjet, dopo lo stop ai voli deciso dalla compagnia low cost. Il presidio permenente proseguirà almeno fino al 24, data di una riunione a Roma tra Windjet, Governo e sindacati. Il giorno dopo, alle 5 del mattino, è  in programma nell’aeroporto di Catania una assemblea alla quale prenderanno parte i segretari nazionali dei sindacati di categoria.
GRASSO: I LAVORATORI SONO PREOCCUPATI. «I lavoratori di Windjet e dell’indotto sono preoccupati. La prossima settimana inoltre la Katane Handling ha convocato i lavoratori per comunicare gli esuberi. Noi aspettiamo la riunione il 24, quando Windjet dovrà dire chi è questo possibile acquirente, quando si inizierà a volare come si comportera’ con il personale. Se Windjet non dichiarerà nulla, il governo in qualche modo dovrà  intervenire perche’ non si puo’ consentire che Windjet blocchi il traffico aero con tutte le conseguenze, anche occupazionali. Se le risposte saranno positive e confortanti il problema si potrebbe superare, ma se non sarà così dal 25 in poi non si sa cosa può succedere».
ANPAV: SPERIAMO PREVALGA IL BUONSENSO. L’associazione degli assistenti di volo Anpav auspica che «nella vicenda Wind Jet prevalga il buon senso e non prendano corpo soluzioni che, sebbene di ‘pronta presa’, minino ancor di più il sottile equilibrio in essere» ma nel contempo chiede una convocazione al ministro dello Sviluppo economico, delle Infrastrutture e dei Trasporti, Corrado Passera, per affrontare la questione dei cassintegrati della vecchia Alitalia.
«Nell’apprezzare un rinnovato interesse del Ministero dello Sviluppo economico per le materie di propria peculiare competenza non è rimandabile un deciso intervento dello stesso Ente a chiarimento complessivo dell’Accordo Quadro, siglato nell’ottobre del 2008, che ha garantito l’avvio della Nuova Alitalia. È giusto ricordare che l’ ‘Operazione Salva-Alitalia’ ha lasciato alla deriva quasi 4.500 cassaintegrati: rappresentano il piu’ grosso contingente di lavoratori in mobilita’ da ristrutturazione in Italia», si legge in una nota.
L’Anpav chiede «un chiarimento di competenza e di responsabilità ascrivibile al Governo a prescindere dalla ‘formazione del momento’, affinché tutte le voci abbiano pari dignita’ d’ascolto: il senso, il valore e la validita’ degli accordi in essere, in presenza di numerose zone d’ombra mai chiarite, sono messi seriamente a rischio».
«La vicenda di Wind Jet, le più o meno opportune affermazioni dell’Ente Nazionale Aviazione Civile e la decisione del Governo di convocare un apposito tavolo ministerialecampeggiano trasversalmente sulla stampa nazionale rilanciando un ciclico quanto inascoltato appello in direzione dell’avvio di una riflessione globale sul Sistema del Trasporto Aereo Nazionale, stante l’attuale situazione che vede il prima citato sistema in reale pericolo di continuità».
UIL TRASPORTI: FAVOREVOLI AL COMMISSARIAMENTO. Uil Trasporti, il sindacato più presente all’interno di Wind Jet, è favorevole al commissariamento del vettore aereo, «soluzione che crediamo possa essere utile per farlo ripartire quanto prima, anche se siamo disposti a prendere in esame altre soluzioni» lo ha detto il segretario della Uil Trasporti, Marco Veneziani, intervenendo alla trasmissione Radio Anch’io. «In Italia c’è un problema sui voli low cost, in particolare di Ryanair, che prende dallo Stato oltre 400 milioni di euro tra vantaggi fiscali e sovvenzioni, a fronte del 15% dei costi in meno» Veneziani giudica positivamente l’avvio di un tavolo con il ministro Passera e il governo sul settore delle compagnia aeree, «necessario, alla luce di questo primo grande default, per evitarne in futuro tanti altri. Bisognerebbe fare come in Francia, dove Ryanair e’ stata obbligata a pagare le tasse su quel territorio nazionale».
UE: APPREZZAMENTO ALL’ENAC. L’Unione europea ha espresso apprezzamento all’Enac per l’impegno nell’attività di riprotezione e assistenza dei passeggeri Windjet. Lo rende noto l’Ente nazionale aviazione civile «in relazione alle affermazioni delle associazioni dei consumatori», spiegando «di aver costantemente informato la Direzione Generale Mobilità e Trasporti (DG-MOVE) della Commissione Europea sulle iniziative intraprese con riferimento alla situazione di Windjet». L’Unione Europea ha chiesto all’Enac di essere tenuta al corrente delle ulteriori iniziative per il rispetto del Regolamento Europeo n. 1008/2008 sulle licenze di esercizio di trasporto aereo.
MERIDIANA FLY OPERA VOLI AGGIUNTIVI. Da domenica 12 a mercoledì 15 agosto, Meridiana Fly-Air Italy ha operato 64 voli aggiuntivi per i passeggeri rimasti a terra dopo lo stop di Wind Jet. Sono stati trasportati 7.800 passeggeri mentre il call center ha ricevuto 55.000 chiamate. Da Catania, la compagnia ha aggiunto nuovi collegamenti giornalieri su Bologna (4 voli) e Roma Fiumicino (4 voli) e incrementato i voli gia’ esistenti, su Torino (+2 voli), Milano Linate (+4 voli) e Verona (+2 voli). I posti sui voli aggiuntivi sono stati messi in vendita sui siti web a un prezzo, incluse le tasse aeroportuali, tra 82 e 86 euro.
L’acquisto dei biglietti – si legge in una nota di Meridiana Fly - è aperto a tutti e sarà possibile fino al 2 settembre. I biglietti dei voli in oggetto sono acquistabili in autonomia, senza l’obbligo di esibire i biglietti Wind Jet, sui siti web www.meridiana.com e www.airitaly.com, presso le biglietterie aeroportuali e il call center al numero 0789 52609. Dopo il 2 settembre la programmazione su Catania di Meridianafly-Air Italy continuerà su tutti i collegamenti in oggetto. Sono gia’ disponibili su tutti i sistemi di vendita i voli  Roma-Catania, Torino-Catania, Verona-Catania, Milano Linate-Catania, Bologna-Catania e Napoli-Catania, per complessivi 34 voli giornalieri.
16 VOLI SPECIALI ANCHE DA ALITALIA. Sono stati 16 i voli speciali effettuati nelle notti del 14 e del 15 agosto da Alitalia, sui quali sono stati trasportati oltre 800 passeggeri di WindJet, e fino a questa mattina la compagnia ha riprotetto in totale 6.500 viaggiatori della compagnia catanese. Lo afferma Alitalia in una nota, aggiungendo di aver rinforzato rinforzato la presenza del personale del customer center per rispondere alle telefonate.
Dalla sera del 13 agosto, inoltre, Alitalia ha cominciato a contattare direttamente tutti i passeggeri che avevano un volo con Windjet per offrire assistenza e riprotezione sui collegamenti speciali operati dalla Compagnia, e nei prossimi giorni proseguira’ con voli speciali notturni da e per Catania e Palermo, che si aggiungeranno alla normale programmazione di voli diurni di Alitalia e Airone da e per Catania e Palermo.
IL CODACONS COSTITUISCE UN COMITATO VITTIME. Si è svolto il 16 agosto a Catania un vertice di legali del Codacons presieduto da Francesco Tanasi, segretario nazionale, per avviare ulteriori iniziative a favore dei cittadini che hanno subito danni dai disservizi Windjet.
Tanasi ha annunciato l’istituzione del Comitato “Vittime windjet”, dopo aver ricordato la denuncia presentata allaProcura della Repubblica di Roma e alla Corte dei Conti e la diffida ai principali circuiti di pagamento delle carte di credito e associazioni di categoria delle agenzie di viaggi a non riversare a Windjet il denaro incassato dai consumatori per l’acquisto dei biglietti.
Il Comitato, spiega una nota, avvierà tutte le azioni legali necessarie per tutelare i viaggiatori. Sarà presieduto da Tanasi e il pool di legali saràcoordinato da Tiziana Cantarella. È possibile aderire inviando una mail all’indirizzo [email protected].

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Devi essere loggato per scrivere un commento Login o Registati